Medical Pontino
Via Custoza, 3/B - Latina (LT)
Telefono 0773/661234

MALASSORBIMENTO DEL LATTULOSIO

Schermata 2015-02-25 alle 18.42.49Il breath test al lattulosio è un esame semplice, non invasivo ed accurato, utile per diagnosticare la sindrome da contaminazione batterica del piccolo intestino, un disturbo legato alla sovracrescita di batteri – normalmente confinati nel colon – negli ultimi tratti del tenue.

Le sostanze presenti nella nostra alimentazione che non vengono assorbite o digerite a livello intestinale danno origine a gas (come idrogeno, metano ed anidride carbonica), in parte espulsi attraverso le flatulenze ed in parte riassorbiti dalla mucosa del colon e veicolati dal sangue fino ai polmoni, dove vengono allontanati con la respirazione.
Quando una quantità eccessiva di nutrienti maldigeriti arriva nel colon il soggetto lamenta meteorismo, distensione addominale, crampi alla pancia e flatulenza.

Inoltre, questi nutrienti richiamano acqua nel lume intestinale per ragioni osmotiche, scatenando diarrea ed amplificando i disturbi gastrointestinali.

Tramite il breath test al lattulosio, è possibile intervenire con antibiotici specifici per ridurre la popolazione microbica dell’intestino e ridurre o eliminare la fastidiosa sintomatologia.

Il test consiste nella somministrazione di lattulosio. Nei pazienti in cui esiste una sovracrescita di batteri nell’intestino tenue si avrà un’eccessiva produzione di gas intestinali, superiore e più precoce rispetto ai soggetti normali. 

Tali gas, in particolare l’idrogeno ed il metano, vengono dosati nell’aria espirata dal soggetto a diagnosi di tale disturbo.
Il lattulosio è un disaccaride sintetico inassorbibile anche dall’intestino di persone perfettamente sane, ma fermentabile dalla flora batterica residente nel colon.

Il test ha inizio con la misurazione del livello di idrogeno nell’area espirata dal paziente a digiuno da circa 12 ore. Dopo questa prima rilevazione il paziente viene invitato a deglutire 5-10 grammi di lattulosio disciolti in 200 ml di acqua; da questo momento in poi, le concentrazioni di idrogeno nell’aria espirata vengono raccolte e misurate ad intervalli regolari di 15 minuti per 4 ore.

In vista dell’esame, devono essere seguite alcune regole per non influenzare il risultato del breath test, in particolare:

  • sospendere l’assunzione di antibiotici nei 7-15 giorni che precedono l’esame
  • 3 giorni prima dell’esame sospendere fermenti lattici, lassativi o antidiarroici;
  • la sera prima dell’esame non mangiare farinacei (pane, pasta, legumi), frutta, verdura, latticini
  • mangiare solo ed esclusivamente riso, carne, uova, pesce, condire solo con olio e sale e bere solo acqua (non gasata)
  • il giorno prima dell’esame non fumare
  • la mattina dell’esame rimanere a digiuno.