Data di pubblicazione : 8/02/18 alle 1:20,

Data ultimo aggiornamento: 19/03/21 alle 9:37


Dichiarazione relativa le fonti scientifiche di riferimento della presente pagina:

Le informazioni medico-scientifiche riportate nel presente articolo sono frutto del bagaglio culturale e dell’esperienza professionale del medico o del professionista sanitario intervistato o autore della medesima pagina. Qualora l’autore non fosse un professionista del settore medico-sanitario le fonti medico scientifiche di riferimento del presente articolo sono riportate in calce.

8) Immunometria

immunometriaL’Immunometria comprende tutte le tecniche che utilizzano una reazione antigene-anticorpo per determinare la concentrazione di un dato analita. Per individuare un particolare anticorpo si utilizza l’antigene contro cui è diretto tale anticorpo, il quale andrà a legarsi con quest’ultimo, se presente.

Oppure, in modo speculare, è possibile utilizzare un particolare anticorpo per rivelare l’antigene incognito. Questa intercambiabilità di antigeni e anticorpi come legandi e come rivelatori spiega l’enorme versatilità delle tecniche immunoenzimatiche.

La presenza del complesso antigene-anticorpo così formatosi, reso visibile con particolari procedure, è indice della presenza dell’anticorpo, o dell’antigene, cercato. Caratteristica peculiare dei test immunoenzimatici (accomunati dalla generica sigla EIA: Enzyme Immuno Assay) è quella di sfruttare in modo accoppiato una reazione immunologica (legame antigene-anticorpo) per legare selettivamente la molecola ricercata, e una reazione enzimatica per produrre un segnale colorato facilmente misurabile a occhio o in modo quantitativo con appositi fotometri.

La componente immunologica del test ne assicura la specificità mentre la componente enzimatica ne assicura la sensibilità analitica. In particolare nel nostro laboratorio utilizziamo il sistema VIDAS Biomerieux , basato sul principio ELFA, che combinando il metodo ELISA con una lettura finale in fluorescenza, assicura una eccellente sensibilità e specificità. Il VIDAS è un analizzatore multiparametrico per immunoanalisi con cinque compartimenti indipendenti, ognuno contenente sei posizioni per parametri anche diversi da analizzare contemporaneamente. E’ lo strumento dedicato per

  •  HBV
  • HBST
  • HCV
  • HIV
  • TORCH (Toxo IgG e IgM, CMV IgG e IgM, Rubeo IgG e IgM)
  • Ferritina
  • HCG
  • IGE totali
  • marcatori tumorali (TPSA, FPSA, CEAS, CA 199, CA153, CA 125, AFP)
  • ormoni riproduttivi (FSH, LH, Polattina, Progesterone, Estadiolo, Testosterone)
  • tiroide (ATG, ATPO, FT3, FT4, TSH)
  • vitamine (Vit D)

ELISA è un acronimo derivato dall’espressione inglese enzyme-linked immunosorbent assay (saggio immuno-adsorbente legato ad un enzima). Si tratta di un versatile metodo d’analisi immunologica usato in biochimica per rilevare la presenza di una sostanza usando uno o più anticorpi ad uno dei quali è legato un enzima: tale metodica d’indagine rientra nella categoria dei test immunoenzimatici. La sostanza da rilevare può essere un antigene appartenente ad un patogeno o una molecola più piccola, chiamata aptene, come per esempio per riconoscere la presenza di steroidi. Se invece di un enzima, viene usato un radionuclide (spesso l’iodio-125) per rilevare la positività del test, si parla di RIA (dall’inglese radio-immuno assay).

Il saggio ELISA trova anche ampio uso per accertare la presenza di anticorpi contro un determinato antigene nel plasma sanguigno del paziente per accertarsi se c’è stata un’esposizione ad un determinato patogeno. Questo avviene nel test per l’HIV per accertarsi se il sistema immunitario del soggetto si è trovato a confrontare il virus dell’AIDS.

Fonte:

Laboratorio Analisi Rodi

Dott. Antonio Tranquilli

Direttore Sanitario della Medical Pontino S.r.l.

La Tua opinione è importante per Noi. Lasciaci un commento!

Centro Analisi Cliniche

Centro Analisi Cliniche