Data di pubblicazione : 15/04/19 alle 8:08,

Data ultimo aggiornamento: 18/03/21 alle 15:58


Dichiarazione relativa le fonti scientifiche di riferimento del presente articolo:

Le informazioni medico-scientifiche riportate nel presente articolo sono indirizzate ad un pubblico generico senza alcuna limitazione di sorta. Sono frutto del bagaglio culturale e dell’esperienza professionale del medico o del professionista sanitario intervistato o autore del medesimo articolo. Qualora l’autore non fosse un professionista del settore medico-sanitario le fonti medico scientifiche di riferimento del presente articolo sono riportate in calce.

PROBLEMI DI DEAMBULAZIONE: MIO FIGLIO CAMMINA CON I PIEDI “IN DENTRO”

Molti genitori, spesso, richiedono un colloquio, non giustificato, con lo specialista ortopedico quando, all’inizio della deambulazione, il piccolo cammina male, ha un’andatura incerta, porta il piede in dentro o in fuori e cade spesso.

Come Insegnare A Camminare Al Tuo Bambino 1139945 W767h767c1cx493cy409 730x730

Abbiamo chiesto al Dottor Raffaele Cotrone, Ortopedico, di spiegarci le cause della difficile Deambulazione dei nostri bambini.

“Nella maggior parte dei casi è una condizione comune tra i bambini che scompare comunque con la crescita e solo in seri casi può essere “spia” di un problema neurologico derivante da un parto distocico (difficile, complicato). Spesso è solo un normale processo di ricerca del modo più corretto di deambulare. E’ perfettamente normale perciò che il bambino cammini in modo incerto perché la deambulazione richiede una coordinazione dei movimenti, equilibrio etc. E’ dai 3 anni che il passo si normalizza.”

Cosa possiamo fare in merito Dottore?

“Compito dell’ortopedico è quello di verificare la corretta rotazione degli arti inferiori (distinguere la rotazione fisiologica da quella patologica) e l’asse corretto dell’arto inferiore. Il tutto al fine di rassicurare i genitori ed identificare in tempo quelle condizioni ,non frequenti,che richiedono un trattamento specifico.”

Dottore, quali sono le cause più comuni per le quali il bambino cammina con i piedi rivolti all’interno?

“Sono tre: la rotazione anteriore del femore (collo femorale); la torsione della tibia all’interno; la rotazione dell’avampiede. La rotazione anteriore del collo del femore non è una vera e propria patologia, ma una situazione dovuta al fatto che durante la vita intrauterina il feto ha mantenuto per lungo tempo una posizione. Questa ha portato il collo del femore a ruotare in avanti con conseguente rotazione all’interno del piede. La rotazione interna della gamba (torsione interna della tibia) anch’essa causa di deambulazione con i piedi ruotati all’interno è legato alla posizione intrauterina del feto. Può essere esercitata a ginocchio varo e spesso si risolve spontaneamente nei primi anni di vita. La rotazione dell’Avampiede (metatarso addotto) è un’altra causa in parte di deambulazione con i piedi all’interno”.

Qual’è la terapia?

“L’ortopedico dopo l’esame clinico degli arti inferiori e dei piedi, valuterà le fasi del passo e stabilirà l’eventuale utilizzo di calzature ortopediche o fisioterapiche e, in casi eccezionali, la soluzione è chirurgica.”

Dottor Cotrone

Dott. Raffaele Cotrone

Ortopedico

La Tua opinione è importante per Noi. Lasciaci un commento!

Segnale Stradale Pericolo 300x264

ATTENZIONE!

Le informazioni fornite nel nostro sito web hanno lo scopo di incoraggiare le relazioni dirette tra il paziente ed il  medico curante, non di sostituire il consulto con i professionisti sanitari.

Leggere un sito web di un’Azienda medica come il nostro NON vi rende medici e non sostituisce il consulto che vi può fornire il vostro medico curante!

www.medicalpontino.it contiene articoli su molti argomenti medici; è comunemente riconosciuto che non esiste assolutamente alcuna assicurazione che una qualsiasi delle affermazioni contenute in articoli che toccano questioni mediche risponda alle esigenze terapeutiche di chi legge. Anche se l’affermazione è accurata, potrebbe non applicarsi ai vostri sintomi.

Le affermazioni ed i contenuti nel blog di questo sito:

  1. costituiscono semplicemente materiale divulgativo informativo  in base alla conoscenza dell’autore;
  2. NON hanno in nessun modo il carattere della prescrizione medica in nessuna forma, neppure quella virtuale;
  3. NON vogliono invogliare nessun comportamento, di nessun tipo ed in nessun ambito, scientifico e non scientifico;
  4. L’informazione medica fornita sul sito del Medical Pontino è di natura generale e a scopo semplicemente divulgativo e non può sostituire il consiglio di un medico specialista, ovvero del vostro medico curante, fisiatra, infermiere, farmacista o degli altri professionisti abilitati e riconosciuti dalla legge operanti nel campo sanitario.

Le nozioni di medicina e le eventuali informazioni su procedure mediche o medico-alternative e/o descrizioni di farmaci o prodotti d’uso indicati negli articoli hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono da soli di acquisire la manualità e l’esperienza indispensabili per un loro uso o pratica.

Nessuno dei singoli contributori, operatori di sistema, sviluppatori, sponsor del sito del Medical Pontino né altri connessi al Medical Pontino possono assumersi alcuna responsabilità circa i risultati o le conseguenze di un qualsiasi tentativo di usare o adottare una qualsiasi delle informazioni o disinformazioni presentate su questo sito web.

Niente su www.medicalpontino.it o uno qualsiasi dei progetti della Medical Pontino S.r.l., può essere visto come un tentativo di offrire o rendere un’opinione medica on-line.

L’intento dell’autore è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo SITO WEB per voi stessi, atto pienamente legittimo, l’autore ed il titolare del sito non si assumono alcuna responsabilità delle vostre azioni.

La legge italiana obbliga a prestare soccorso nei limiti delle proprie capacità, ma si tenga presente che manovre errate o inappropriate possono causare lesioni personali gravi, anche mortali.