Data di pubblicazione : 12/07/19 alle 10:34,

Data ultimo aggiornamento: 18/03/21 alle 10:51


Dichiarazione relativa le fonti scientifiche di riferimento del presente articolo:

Le informazioni medico-scientifiche riportate nel presente articolo sono indirizzate ad un pubblico generico senza alcuna limitazione di sorta. Sono frutto del bagaglio culturale e dell’esperienza professionale del medico o del professionista sanitario intervistato o autore del medesimo articolo. Qualora l’autore non fosse un professionista del settore medico-sanitario le fonti medico scientifiche di riferimento del presente articolo sono riportate in calce.

Piastrinopenia da Eparina

Heparin 3D VdW Min 730x491

L’utilizzo dell’Eparina come anticoagulante è ormai consolidato da tempo sia per il trattamento e la profilassi del tromboembolismo venoso sia per il trattamento dell’embolia polmonare, in sinergia con gli anticoagulanti orali, grazie alla sua rapidità di azione. Tuttavia essa espone il paziente ad un aumentato, ma fortunatamente reversibile, rischio emorragico. A parlarcene è il Dottor Pietro Falco, esperto Ematologo.

L’effetto collaterale più grave è la Piastrinopenia indotta da eparina (heparin-induced thrombocytopenia – HIT) grave complicanza protrombotica che si caratterizza per la riduzione del numero delle piastrine, che può avvenire tra il 5° e il 14° giorno dall’inizio del trattamento eparinico, con un tasso di mortalità elevato (tra il 5 e il 10% dei casi).In generale la frequenza di HIT dipende da vari fattori: 1) tipo di eparina (ENF porcina>ENF bovina>EBPM); 2) durata del trattamento (11-14 gg>5-10 gg>1-4 gg); 3) dosi utilizzate (terapia>profilassi); 4) tipo di paziente (paziente post-chirurgico>paziente internistico>ostetricia) e sulla base dell’incidenza nei diversi ambiti clinici, il rischio di HIT può essere classificato in: frequente (>1%), poco frequente (0,1-1%), raro (<0,1%).”

Cos’è la Piastrinopenia da Eparina?

E’ una patologia la cui eziologia è poco nota e si caratterizza per una predisposizione a fenomeni trombotici dovuti a reazioni immunitarie e da una notevole produzione di trombina (proteina molto importante nei processi coagulativi). Dopo la somministrazione di eparina, si assiste ad un enorme aumento di una proteina chiamata PF4 (proteina contenuta all’interno delle piastrine e che si lega molto facilmente all’eparina). 

Il legame con l’eparina provoca delle reazioni immunitarie con formazione di anticorpi e conseguente attivazione piastrinica con formazione di aggregati e piastrinopenia. Il meccanismo fondamentale della piastrinopenia è dato sia dalla formazione di trombi sia dal sequestro piastrinico da parte del sistema Reticolo-endoteliale.

La Piastrinopenia da eparina in genere si verifica entro 14 giorni dall’inizio della terapia eparinica con una caduta del conteggio piastrinico > o = 50% rispetto al basale, con un ripristino del normale conteggio piastrinico entro pochi giorni dalla sostituzione dell’eparina con un farmaco anticoagulante idoneo. Le complicanze trombotiche includono patologie cardiopolmonari come embolia polmonare, infarto del miocardio, stroke, trombosi arteriose periferiche con mortalità di circa il 5-10%”.

Come si può diagnosticare?

Tra gli strumenti diagnostici più importanti ricordiamo gli score clinici tra cui il 4Tscore (4Ts) che prende in considerazione 4 elementi: 1) la piastrinopenia; 2) la durata del trattamento con eparina; 3) la comparsa di trombosi (o di altre complicanze); 4) presenza o meno di altre cause di piastrinopenia. Ad ogni fattore è assegnato un punteggio da 0 a 2 e la somma dei quattro punteggi consente di dividere i pazienti in tre categorie a rischio di HIT: basso (=0-3); intermedio (=4-5); alto (=6-8). 

Tale score ha un altissimo valore predittivo negativo (99.7%) per cui nei pazienti a basso rischio, può essere esclusa la presenza di HIT senza ulteriori accertamenti. La diagnosi laboratoristica si basa su test immunologici, che misurano i titoli anticorpali, e su test funzionali che valutano direttamente l’effetto sull’attivazione e sull’aggregazione piastrinica degli anticorpi, disponibili in pochi centri specialistici”.

Come si tratta?

Ancora oggi non si conosce il miglior farmaco per il trattamento della HIT; pur se proposte varie molecole, numerosi studi hanno dimostrato che il fondaparinux (ARIXTRA) presenta efficacia e basso rischio emorragico. 

Gli Anti-Vitamina K non hanno indicazione dal momento che possono determinare un aumento del rischio trombotico per il rapido calo della proteina C: tuttavia possono essere utilizzati nel paziente già stabilizzato e con una conta piastrinica > 150.000/mmc, per una durata non ancora definita che dipende o meno dalla complicanza trombotica (1 anno in paziente con HIT in assenza di complicanza trombotica, 3-6 mesi in caso di evento trombotico)”.

 

Dottor Falco 730x730

Dott. Pietro Falco

Ematologo

La Tua opinione è importante per Noi. Lasciaci un commento!

Segnale Stradale Pericolo 300x264

ATTENZIONE!

Le informazioni fornite nel nostro sito web hanno lo scopo di incoraggiare le relazioni dirette tra il paziente ed il  medico curante, non di sostituire il consulto con i professionisti sanitari.

Leggere un sito web di un’Azienda medica come il nostro NON vi rende medici e non sostituisce il consulto che vi può fornire il vostro medico curante!

www.medicalpontino.it contiene articoli su molti argomenti medici; è comunemente riconosciuto che non esiste assolutamente alcuna assicurazione che una qualsiasi delle affermazioni contenute in articoli che toccano questioni mediche risponda alle esigenze terapeutiche di chi legge. Anche se l’affermazione è accurata, potrebbe non applicarsi ai vostri sintomi.

Le affermazioni ed i contenuti nel blog di questo sito:

  1. costituiscono semplicemente materiale divulgativo informativo  in base alla conoscenza dell’autore;
  2. NON hanno in nessun modo il carattere della prescrizione medica in nessuna forma, neppure quella virtuale;
  3. NON vogliono invogliare nessun comportamento, di nessun tipo ed in nessun ambito, scientifico e non scientifico;
  4. L’informazione medica fornita sul sito del Medical Pontino è di natura generale e a scopo semplicemente divulgativo e non può sostituire il consiglio di un medico specialista, ovvero del vostro medico curante, fisiatra, infermiere, farmacista o degli altri professionisti abilitati e riconosciuti dalla legge operanti nel campo sanitario.

Le nozioni di medicina e le eventuali informazioni su procedure mediche o medico-alternative e/o descrizioni di farmaci o prodotti d’uso indicati negli articoli hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono da soli di acquisire la manualità e l’esperienza indispensabili per un loro uso o pratica.

Nessuno dei singoli contributori, operatori di sistema, sviluppatori, sponsor del sito del Medical Pontino né altri connessi al Medical Pontino possono assumersi alcuna responsabilità circa i risultati o le conseguenze di un qualsiasi tentativo di usare o adottare una qualsiasi delle informazioni o disinformazioni presentate su questo sito web.

Niente su www.medicalpontino.it o uno qualsiasi dei progetti della Medical Pontino S.r.l., può essere visto come un tentativo di offrire o rendere un’opinione medica on-line.

L’intento dell’autore è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo SITO WEB per voi stessi, atto pienamente legittimo, l’autore ed il titolare del sito non si assumono alcuna responsabilità delle vostre azioni.

La legge italiana obbliga a prestare soccorso nei limiti delle proprie capacità, ma si tenga presente che manovre errate o inappropriate possono causare lesioni personali gravi, anche mortali.