Data di pubblicazione : 6/08/21 alle 20:50,

Data ultimo aggiornamento: 21/08/21 alle 9:45


Dichiarazione relativa le fonti scientifiche di riferimento del presente articolo:

Le informazioni medico-scientifiche riportate nel presente articolo sono indirizzate ad un pubblico generico senza alcuna limitazione di sorta. Sono frutto del bagaglio culturale e dell’esperienza professionale del medico o del professionista sanitario intervistato o autore del medesimo articolo. Qualora l’autore non fosse un professionista del settore medico-sanitario le fonti medico scientifiche di riferimento del presente articolo sono riportate in calce.

Alcol: le allegre quanto pericolose serate degli adolescenti

Alcol 730x360Alcol, bere, ubriacarsi, sentirsi cool e padroni del mondo. L’ “alcolismo” come sfida giovanile è ormai una malattia cronica tra i giovani, e consiste nel bere sei o più cocktail in un breve periodo di tempo.

Che sia a base di birra o Spritz, la regola del weekend è perdersi nelle emozioni dell’alcol.

….e con l’estate si finisce solo a esagerare. 

L’edonismo adolescenziale ha prodotto una nuova tendenza molto pericolosa: si chiama drunko­ressia, e consiste nel saltare i pasti per aumentare l’assunzione di alcol così da non ingrassare.

Anche durante la pandemia  il desiderio di rimanere storditi dal bere non ha avuto tregua.

Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, la quota delle consegne a domicilio è salita dal 181% al 250% lo scorso anno: se l’aperitivo è digitale, i superalcolici vengono consegnati direttamente a casa. Tuttavia, dietro i postumi di una sbornia ci sono l’ansia e la depressione causate dal confinamento, che sprona i ragazzi ad aumentare l’assunzione. 

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, l’isolamento degli ultimi mesi ha portato a «aumenti incontrollati dei consumi, favoriti anche da aperitivi digitali e social network». 

Nonostante ci siano leggi che vietano la vendita e la gestione di alcolici ai minori, il viaggio alcolico del sabato sera non si è fermato. Il mercato non conosce ne ostacoli né etica, ignora la legge e vende regolarmente alcolici a bambini di tutte le età, in clima movida.

Il rapporto annuale del Ministero della Salute ha rivelato che più di 36 milioni di italiani ne hanno abusato lo scorso anno, il 78% dei quali erano bambini di 11 anni e più. “L 11,60% dei giovani fa il “bin­ge drinking”, un fenomeno sot­tostimato che abbiamo mutua­to dai Paesi del Nord Europa e che sta rovinando una genera­zione – spiega il direttore dell’Unità Operativa Comples­sa Medicina Interna e Patolo­gie Alcol Correlate della Fonda­zione Policlinico Gemelli, Gio­vanni Addolorato – La bevuta nel weekend non è un normale passaggio adolescenziale. 

I genitori devono sapere che l’alcol è la prima causa di morte tra i ragazzi fino a 24 anni e ha effet­ti tossici su organi e apparati. Fino a 18 anni l’organismo non ha ancora prodotto gli enzimi che permettono di metaboliz­zare e digerire l’alcol. Per que­sto i ragazzi non devono asso­lutamente bere alcolici».

Tuttavia, secondo gli esperti, c’è di più. Essere in uno stato di cambiamento rende i bambini vulnerabili e suscettibili di manipolazione, rendendoli vittime di violenza sessuale o incidenti stradali. Bisogna stigmatizzare gli abusi, soprattutto durante le vacanze estive, trasmettendo ai giovani il messaggio che “il bere non fa figo, ma ti rende un perdente”.

Articolo scritto da Marco Testa

Fonte:

Quotidiano: Il Messaggero, uscita del 08/07/2021 inserto speciale “MoltoSalute” 

(pagina 3 Articolo “Le allegre serate degli adolescenti, il pericolo è il binge drinking“)

La Tua opinione è importante per Noi. Lasciaci un commento!

Segnale Stradale Pericolo 300x264

ATTENZIONE!

Le informazioni fornite nel nostro sito web hanno lo scopo di incoraggiare le relazioni dirette tra il paziente ed il  medico curante, non di sostituire il consulto con i professionisti sanitari.

Leggere un sito web di un’Azienda medica come il nostro NON vi rende medici e non sostituisce il consulto che vi può fornire il vostro medico curante!

www.medicalpontino.it contiene articoli su molti argomenti medici; è comunemente riconosciuto che non esiste assolutamente alcuna assicurazione che una qualsiasi delle affermazioni contenute in articoli che toccano questioni mediche risponda alle esigenze terapeutiche di chi legge. Anche se l’affermazione è accurata, potrebbe non applicarsi ai vostri sintomi.

Le affermazioni ed i contenuti nel blog di questo sito:

  1. costituiscono semplicemente materiale divulgativo informativo  in base alla conoscenza dell’autore;
  2. NON hanno in nessun modo il carattere della prescrizione medica in nessuna forma, neppure quella virtuale;
  3. NON vogliono invogliare nessun comportamento, di nessun tipo ed in nessun ambito, scientifico e non scientifico;
  4. L’informazione medica fornita sul sito del Medical Pontino è di natura generale e a scopo semplicemente divulgativo e non può sostituire il consiglio di un medico specialista, ovvero del vostro medico curante, fisiatra, infermiere, farmacista o degli altri professionisti abilitati e riconosciuti dalla legge operanti nel campo sanitario.

Le nozioni di medicina e le eventuali informazioni su procedure mediche o medico-alternative e/o descrizioni di farmaci o prodotti d’uso indicati negli articoli hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono da soli di acquisire la manualità e l’esperienza indispensabili per un loro uso o pratica.

Nessuno dei singoli contributori, operatori di sistema, sviluppatori, sponsor del sito del Medical Pontino né altri connessi al Medical Pontino possono assumersi alcuna responsabilità circa i risultati o le conseguenze di un qualsiasi tentativo di usare o adottare una qualsiasi delle informazioni o disinformazioni presentate su questo sito web.

Niente su www.medicalpontino.it o uno qualsiasi dei progetti della Medical Pontino S.r.l., può essere visto come un tentativo di offrire o rendere un’opinione medica on-line.

L’intento dell’autore è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo SITO WEB per voi stessi, atto pienamente legittimo, l’autore ed il titolare del sito non si assumono alcuna responsabilità delle vostre azioni.

La legge italiana obbliga a prestare soccorso nei limiti delle proprie capacità, ma si tenga presente che manovre errate o inappropriate possono causare lesioni personali gravi, anche mortali.