Data di pubblicazione : 13/08/21 alle 21:00,

Data ultimo aggiornamento: 21/08/21 alle 9:35


Dichiarazione relativa le fonti scientifiche di riferimento del presente articolo:

Le informazioni medico-scientifiche riportate nel presente articolo sono indirizzate ad un pubblico generico senza alcuna limitazione di sorta. Sono frutto del bagaglio culturale e dell’esperienza professionale del medico o del professionista sanitario intervistato o autore del medesimo articolo. Qualora l’autore non fosse un professionista del settore medico-sanitario le fonti medico scientifiche di riferimento del presente articolo sono riportate in calce.

L’alfabeto delle varianti Covid

Varianti Covid19 730x548

Ce lo ha composto da Giuseppe Portella, che è professore ordinario e direttore del Laboratorio di Virologia del Policlinico Federico II di Napoli.

L’esperto per mezzo di tamponi identifica la mutazione SarsCoV-2: ha finito per trovarne una mai stata descritta prima.

A sta per Alfa.

Nel Regno Unito, è la più contaggiosa. Occupa infatti il primo posto assoluto nei contagi e continua a diffondersi in Italia, ma i casi sono meno.

B sta per Beta.

Questo è un ceppo trovato in Sud Africa che può eludere parzialmente gli anticorpi monoclonali utilizzati nei trattamenti e nei vaccini.

C si riferisce a California.

Ha una mutazione in comune con la variante Delta.

Veniamo a d. Qual è la differenza con la variante Delta?

“Delta” mostra tre cambiamenti chiave nella sequenza del genoma che codifica per la proteina Spike: una mutazione già esistente nel ceppo California conferisce resistenza agli anticorpi monoclonali; l’altra aumenta la possibilità di produzione di particelle virali e di infezione.

Poi arriva la variante Gamma.

Originata in Brasile, può essere più contagiosa e portare al rischio di reinfezione perché può eludere gli anticorpi prodotti dal vaccino. Ma i casi sono stabili: circa il 7% in Italia.

E la variante Kappa?

È simile a ‘Delta’. Da maggio a oggi, le varianti indiane sono passate dal 4% del totale al 20%: diventeranno presto popolari, proprio come nel Regno Unito. E c’è già un’altra forma in circolazione.

Quale?

In Gujarat, una variante con tre diverse mutazioni: T478K, che permette al virus di fuoriuscire dall’anticorpo; L452R, che esiste in altri ceppi studiati, Iota ed Epsilon; E484K tipico di Eta, Zeta, Pl (noto come Brasile) e Beta (Sud Africa).

Sono chiamate varianti perché modificano la sequenza del genoma.

Come?

Anche la sostituzione di un singolo amminoacido che costituisce una proteina virale influenzerà il decorso della malattia e dell’infezione”. L’analisi del codice genetico del virus aiuta a prevedere l’andamento di una pandemia? Questi dati forniscono segnali epidemiologici. Tuttavia, per determinare se la nuova variante può sfuggire agli anticorpi ed essere più infettiva sono necessari studi di laboratorio in vitro. Come scegliete i campioni da sequenziare?

All’inizio si basava su comportamenti clinici specifici o sulla provenienza geografica. Poi c’era la necessità di incrementare le attività per soddisfare le esigenze epidemiologiche.

La Campania ha un programma finanziato dalla Regione che ha inserito nel database Gisaid quasi 20.000 sequenze.

Circa la metà sono in Italia. Tra questi c’è una variante di Corradina.

La sua scoperta.

I colleghi della Federico II sono stati isolati per diversi mesi in un paziente immunodepresso positivo al virus. Modifica il gene ORF3, e le sue osservazioni possono migliorare la gestione delle infezioni più fragili e incurabili.

Perché si chiama così?

Conrad di Svevia, ultimo discendente di Federico II, ebbe una tragica fine. A 16 anni.

Ha isolato per la prima volta anche la variante nigeriana in Italia. Questa variante, ora chiamata Eta, causa l’1,2% dei contagi.

Ce ne sono altri in circolazione?

Ce ne sono così tanti che devono essere divisi in tre gruppi in base all’impatto.

Perché alcune si diffonderanno, altri no?

Tutti questi rappresentano tentativi di adattamento al virus e solo alcuni hanno caratteristiche che vengono loro imposte.

Il vaccino è ancora efficace?

Il vaccino rallenta la diffusione del virus e rallentare la diffusione del virus significa ridurre la possibilità di altre mutazioni.

Articolo scritto da Marco Testa

Fonte:

Quotidiano: Il Messaggero, uscita del 08/07/2021 inserto speciale “MoltoSalute” 

(pagina 5 Articolo “L’alfabeto delle varianti“)

La Tua opinione è importante per Noi. Lasciaci un commento!

Segnale Stradale Pericolo 300x264

ATTENZIONE!

Le informazioni fornite nel nostro sito web hanno lo scopo di incoraggiare le relazioni dirette tra il paziente ed il  medico curante, non di sostituire il consulto con i professionisti sanitari.

Leggere un sito web di un’Azienda medica come il nostro NON vi rende medici e non sostituisce il consulto che vi può fornire il vostro medico curante!

www.medicalpontino.it contiene articoli su molti argomenti medici; è comunemente riconosciuto che non esiste assolutamente alcuna assicurazione che una qualsiasi delle affermazioni contenute in articoli che toccano questioni mediche risponda alle esigenze terapeutiche di chi legge. Anche se l’affermazione è accurata, potrebbe non applicarsi ai vostri sintomi.

Le affermazioni ed i contenuti nel blog di questo sito:

  1. costituiscono semplicemente materiale divulgativo informativo  in base alla conoscenza dell’autore;
  2. NON hanno in nessun modo il carattere della prescrizione medica in nessuna forma, neppure quella virtuale;
  3. NON vogliono invogliare nessun comportamento, di nessun tipo ed in nessun ambito, scientifico e non scientifico;
  4. L’informazione medica fornita sul sito del Medical Pontino è di natura generale e a scopo semplicemente divulgativo e non può sostituire il consiglio di un medico specialista, ovvero del vostro medico curante, fisiatra, infermiere, farmacista o degli altri professionisti abilitati e riconosciuti dalla legge operanti nel campo sanitario.

Le nozioni di medicina e le eventuali informazioni su procedure mediche o medico-alternative e/o descrizioni di farmaci o prodotti d’uso indicati negli articoli hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono da soli di acquisire la manualità e l’esperienza indispensabili per un loro uso o pratica.

Nessuno dei singoli contributori, operatori di sistema, sviluppatori, sponsor del sito del Medical Pontino né altri connessi al Medical Pontino possono assumersi alcuna responsabilità circa i risultati o le conseguenze di un qualsiasi tentativo di usare o adottare una qualsiasi delle informazioni o disinformazioni presentate su questo sito web.

Niente su www.medicalpontino.it o uno qualsiasi dei progetti della Medical Pontino S.r.l., può essere visto come un tentativo di offrire o rendere un’opinione medica on-line.

L’intento dell’autore è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo SITO WEB per voi stessi, atto pienamente legittimo, l’autore ed il titolare del sito non si assumono alcuna responsabilità delle vostre azioni.

La legge italiana obbliga a prestare soccorso nei limiti delle proprie capacità, ma si tenga presente che manovre errate o inappropriate possono causare lesioni personali gravi, anche mortali.