Data di pubblicazione : 6/12/18 alle 15:44,

Data ultimo aggiornamento: 17/03/21 alle 16:54


Dichiarazione relativa le fonti scientifiche di riferimento del presente articolo:

Le informazioni medico-scientifiche riportate nel presente articolo sono indirizzate ad un pubblico generico senza alcuna limitazione di sorta. Sono frutto del bagaglio culturale e dell’esperienza professionale del medico o del professionista sanitario intervistato o autore del medesimo articolo. Qualora l’autore non fosse un professionista del settore medico-sanitario le fonti medico scientifiche di riferimento del presente articolo sono riportate in calce.

TECNICA MININVASIVA PER LA CHIRURGIA DELLA COLONNA VERTEBRALE

TECNICA MININVASIVA PER LA CHIRURGIA DELLA COLONNA VERTEBRALE

Parlando di colonna vertebrale, si parla di ernia del disco, stenosi, spondilolistesi, sono alcune delle patologie che causano mal di schiena. Questo disturbo influisce sulla qualità della vita, ed è ormai considerato la principale causa di visita medica dopo la malattia cardiovascolare.

In quali casi la chirurgia mininvasiva rappresenta la tecnica di elezione e in quali, invece, è opportuno ricorrere alle tecniche tradizionali?

Ne parliamo con il Prof. Carmine Franco, esperto di Chirurgia Vertebrale, che opera all’ICOT, dove recentemente ha eseguito, su alcuni pazienti, una tecnica mininvasiva che si effettua in due tempi chirurgici nella stessa seduta operatoria.

Come viene eseguita?

La tecnica prevede 2 tempi chirurgici. Nel primo tempo il paziente viene posizionato su un fianco ed attraverso una piccola incisione sul fianco si accede alla colonna vertebrale, esponendo il disco intervertebrale. Questo viene sostituito con una protesi che ridà l’altezza tra le due vertebre con un effetto decompressivo immediato. In questo modo si evita di passare per la parte posteriore, quindi senza trauma sulle radici nervose. Non devono quindi essere esposte e mobilizzate, e non hanno necessità di dover smontare la parte posteriore della vertebra. Questa tecnica viene chiamata XLIF. Nel secondo tempo chirurgico, effettuato sempre nella stessa seduta operatoria, la posizione del paziente viene modificata. Viene posto in posizione prona. Attraverso 4 piccole incisioni, sempre con tecnica mininvasiva, vengono posizionate 4 viti peduncolari. Si completa così l’intervento.”

FOTO 2 300x300

In quali casi viene eseguita?

Le indicazioni sono molteplici. Ci sono la stenosi lombare, la spondilolistesi ( lo scivolamento della vertebra), le gravi discopatie, pazienti già sottoposti a precedenti interventi sulla colonna, in cui l’intervento tradizionale passando dalle parte posteriore aumenterebbe notevolmente i rischi operatori per il paziente per la presenza di tessuto cicatriziale.”

Quali sono i rischi di questa tecnica?

I rischi sono minimi. Per aumentare la precisione e la sicurezza dell’intervento, viene utilizzato un sistema di monitoraggio neurofisiologico. Vengono così evitate lesioni delle radici che si trovano vicino ai dischi intervertebrali da trattare.”

FOTO 3 300x143

Quali sono i vantaggi rispetto alla tecnica tradizionale?

Le perdite ematiche sono irrilevanti, la ripresa funzionale è rapidissima, la riduzione delle complicanze e maggiore sicurezza per il paziente. Inoltre i pazienti il giorno dopo sono in grado di camminare autonomamente e vengono dimessi a distanza di 48 ore dall’intervento. I tempi di recupero sono più rapidi e si ritorna alla vita attiva dopo sei settimane.”

FOTO 4 300x200

In quali casi è necessario invece ricorrere a tecniche tradizionali?

Non sempre la chirurgia mininvasiva rappresenta l’opzione più adatta. L’errore che il neurochirurgo non deve fare è quello di pensare di risolvere tutto con approcci mininvasivi. Un esempio è rappresentato da pazienti in età avanzata, 60-70 anni. Il più delle volte bisogna intervenire con una decompressione associata ad una fissazione strumentata. In quei casi di ernia del disco espulse e scivolate, intraforaminali o extraforaminali, bisogna far capire al paziente che l’approccio mininvasivo non risolverebbe il problema.”

FOTO 5 300x200

Quali sono quindi le sue conclusioni?

Non si deve generare confusione nel paziente, bisogna selezionare i casi in cui è possibile eseguire le tecniche mininvasive. In questo momento il gold standard della chirurgia vertebrale, però bisogna far capire al paziente che le tecniche tradizionali, quando non vi sono alternative, sono altrettanto efficaci.”

 

Prof. Carmine Franco

Neurochirurgo

La Tua opinione è importante per Noi. Lasciaci un commento!

Argomenti correlati: , , ,

Segnale Stradale Pericolo 300x264

ATTENZIONE!

Le informazioni fornite nel nostro sito web hanno lo scopo di incoraggiare le relazioni dirette tra il paziente ed il  medico curante, non di sostituire il consulto con i professionisti sanitari.

Leggere un sito web di un’Azienda medica come il nostro NON vi rende medici e non sostituisce il consulto che vi può fornire il vostro medico curante!

www.medicalpontino.it contiene articoli su molti argomenti medici; è comunemente riconosciuto che non esiste assolutamente alcuna assicurazione che una qualsiasi delle affermazioni contenute in articoli che toccano questioni mediche risponda alle esigenze terapeutiche di chi legge. Anche se l’affermazione è accurata, potrebbe non applicarsi ai vostri sintomi.

Le affermazioni ed i contenuti nel blog di questo sito:

  1. costituiscono semplicemente materiale divulgativo informativo  in base alla conoscenza dell’autore;
  2. NON hanno in nessun modo il carattere della prescrizione medica in nessuna forma, neppure quella virtuale;
  3. NON vogliono invogliare nessun comportamento, di nessun tipo ed in nessun ambito, scientifico e non scientifico;
  4. L’informazione medica fornita sul sito del Medical Pontino è di natura generale e a scopo semplicemente divulgativo e non può sostituire il consiglio di un medico specialista, ovvero del vostro medico curante, fisiatra, infermiere, farmacista o degli altri professionisti abilitati e riconosciuti dalla legge operanti nel campo sanitario.

Le nozioni di medicina e le eventuali informazioni su procedure mediche o medico-alternative e/o descrizioni di farmaci o prodotti d’uso indicati negli articoli hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono da soli di acquisire la manualità e l’esperienza indispensabili per un loro uso o pratica.

Nessuno dei singoli contributori, operatori di sistema, sviluppatori, sponsor del sito del Medical Pontino né altri connessi al Medical Pontino possono assumersi alcuna responsabilità circa i risultati o le conseguenze di un qualsiasi tentativo di usare o adottare una qualsiasi delle informazioni o disinformazioni presentate su questo sito web.

Niente su www.medicalpontino.it o uno qualsiasi dei progetti della Medical Pontino S.r.l., può essere visto come un tentativo di offrire o rendere un’opinione medica on-line.

L’intento dell’autore è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo SITO WEB per voi stessi, atto pienamente legittimo, l’autore ed il titolare del sito non si assumono alcuna responsabilità delle vostre azioni.

La legge italiana obbliga a prestare soccorso nei limiti delle proprie capacità, ma si tenga presente che manovre errate o inappropriate possono causare lesioni personali gravi, anche mortali.