Data di pubblicazione : 16/02/19 alle 8:39,

Data ultimo aggiornamento: 18/03/21 alle 11:49


Dichiarazione relativa le fonti scientifiche di riferimento del presente articolo:

Le informazioni medico-scientifiche riportate nel presente articolo sono indirizzate ad un pubblico generico senza alcuna limitazione di sorta. Sono frutto del bagaglio culturale e dell’esperienza professionale del medico o del professionista sanitario intervistato o autore del medesimo articolo. Qualora l’autore non fosse un professionista del settore medico-sanitario le fonti medico scientifiche di riferimento del presente articolo sono riportate in calce.

V-BAC: Parto vaginale dopo Cesareo



La sigla V-BAC è un acronimo inglese che sta per parto vaginale dopo un cesareo. Partorire per via vaginale dopo uno o più tagli cesarei è possibile e avviene con successo nel 60-80% dei casi.

A parlarcene è il Dottor Vincenzo Monaco, Specialista in Ginecologia e Ostetricia.

Donna Incinta Che Tiene La Pancia 1304 2757

 

 

 

Qual’è la sua esperienza riguardo il V-BAC?

Negli ultimi cinque anni, si sono recate presso questa maternità 333 donne per effettuare un “travaglio di prova” (da gennaio 2014 a dicembre 2018).

La percentuale di successo del V-BAC è stata del 67%.

Quali pazienti possono essere sottoposte al V-BAC?

Le pazienti candidate al V-BAC o travaglio di prova, devono aver avuto con decorso di gravidanza fisiologico.

Le donne non affette da patologie rilevanti, feti non affetti da patologie, assenza di pregresse cicatrici sullutero, sono ammesse solo donne con incisione trasversa sul segmento uterino inferiore (SUI), assenza, in questa gravidanza, di indicazioni al TC.

Quali sono i vantaggi per una paziente che affronta un parto vaginale?

Un evento nascita più fisiologico e naturale e più soddisfacente per la mamma, maggiori probabilità di parti non complicati nelle future gravidanze, minor dolore addominale dopo il parto,

ripresa fisica più rapida e minor durata della degenza ospedaliera e vicinanza continua mamma-bambino con miglior adattamento post-natale.

Quali sono i rischi del parto per via vaginale?

Il timore principale che caratterizza un travaglio di parto nella paziente che è stata precedentemente sottoposta a taglio cesareo è quello di un possibile cedimento della cicatrice uterina che può essere completo (rottura) o parziale, ossia determinato da un estremo assottigliamento della parete (deiscenza) dell’utero.

Tale complicanza può accadere anche quando non si eseguono manovre o terapie.

Qual è l’intervallo di tempo per essere sottoposti al V-BAC dal precedente taglio cesareo?

Un dato che ricorre in letteratura indica una maggior frequenza di rottura d’utero quando il travaglio di prova si realizza in epoca vicina al taglio cesareo precedente.

Se l’intervallo dal pregresso taglio cesareo è inferiore ai 18 mesi, è sconsigliabile effettuare un travaglio di prova.

Si può effettuare l’Induzione farmacologica del travaglio di parto?

Poiché l’indizione farmacologica del travaglio (prostaglandine e/o ossitocina) comporterebbe un aumento del rischio di rottura d’utero. Nella nostra maternità si è deciso di non ricorrervi.

Ciò determina che in presenza di un prolungamento della gravidanza (dopo 10 giorni di attesa dalla fine della 40° settimana) o anche prima se presenti condizioni di maggior rischio che raccomandano l’espletamento del parto, non potendo ricorrere all’induzione

di travaglio, si effettuerà nuovamente un taglio cesareo.

La Parto-Analgesia può essere effettuata nel V-BAC?

In passato si temeva che l’analgesia peridurale potesse mascherare la presenza di un

dolore (persistente tra una contrazione e l’altra) quale segno di un maggior rischio di

rottura d’utero. Attualmente non esistono in letteratura controindicazioni per l’attuazione di un’analgesia in travaglio di parto dopo pregresso taglio cesareo.

Ciò nonostante, il ricorso all’analgesia peridurale può rallentare il travaglio rendendo necessaria la somministrazione di ossitocina.

Per evitare l’uso di tale farmaco, si è deciso nella nostra maternità di evitare la peridurale nel travaglio di prova.Il segno più comune di rottura d’utero è rappresentato dalle anomalie della frequenza cardiaca fetale (BCF).

Per tale motivo in corso di travaglio attivo (dilatazione superiore a 3-4cm) verrà mantenuto un monitoraggio cardiotocografico continuo consentendo solo brevi periodi di sospensione (per andare in bagno).

Questa pratica obbligherà alla posizione a letto (o lo stare vicino al letto) durante tutta la durata del travaglio. Ad inizio travaglio viene incanalata una vena per poter somministrare più rapidamente liquidi e farmaci qualora si rendessero necessari.

Dove effettua queste procedure?

Oltre alla collaborazione con il Medical Pontino dove mi occupo sia delle pazienti ginecologiche ed ostetriche, lavoro a Roma, presso la Casa di Cura Santa Famiglia, struttura sanitaria d’eccellenza mono specialistica in Ginecologia e Ostetricia convenzionata con il SSN che si effettuano in estrema sicurezza per mamma e neonato le procedure di V-BAC.

DOTTOR VINCENZO MONACO

Dott. Vincenzo Monaco

Ginecologo

La Tua opinione è importante per Noi. Lasciaci un commento!

Segnale Stradale Pericolo 300x264

ATTENZIONE!

Le informazioni fornite nel nostro sito web hanno lo scopo di incoraggiare le relazioni dirette tra il paziente ed il  medico curante, non di sostituire il consulto con i professionisti sanitari.

Leggere un sito web di un’Azienda medica come il nostro NON vi rende medici e non sostituisce il consulto che vi può fornire il vostro medico curante!

www.medicalpontino.it contiene articoli su molti argomenti medici; è comunemente riconosciuto che non esiste assolutamente alcuna assicurazione che una qualsiasi delle affermazioni contenute in articoli che toccano questioni mediche risponda alle esigenze terapeutiche di chi legge. Anche se l’affermazione è accurata, potrebbe non applicarsi ai vostri sintomi.

Le affermazioni ed i contenuti nel blog di questo sito:

  1. costituiscono semplicemente materiale divulgativo informativo  in base alla conoscenza dell’autore;
  2. NON hanno in nessun modo il carattere della prescrizione medica in nessuna forma, neppure quella virtuale;
  3. NON vogliono invogliare nessun comportamento, di nessun tipo ed in nessun ambito, scientifico e non scientifico;
  4. L’informazione medica fornita sul sito del Medical Pontino è di natura generale e a scopo semplicemente divulgativo e non può sostituire il consiglio di un medico specialista, ovvero del vostro medico curante, fisiatra, infermiere, farmacista o degli altri professionisti abilitati e riconosciuti dalla legge operanti nel campo sanitario.

Le nozioni di medicina e le eventuali informazioni su procedure mediche o medico-alternative e/o descrizioni di farmaci o prodotti d’uso indicati negli articoli hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono da soli di acquisire la manualità e l’esperienza indispensabili per un loro uso o pratica.

Nessuno dei singoli contributori, operatori di sistema, sviluppatori, sponsor del sito del Medical Pontino né altri connessi al Medical Pontino possono assumersi alcuna responsabilità circa i risultati o le conseguenze di un qualsiasi tentativo di usare o adottare una qualsiasi delle informazioni o disinformazioni presentate su questo sito web.

Niente su www.medicalpontino.it o uno qualsiasi dei progetti della Medical Pontino S.r.l., può essere visto come un tentativo di offrire o rendere un’opinione medica on-line.

L’intento dell’autore è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo SITO WEB per voi stessi, atto pienamente legittimo, l’autore ed il titolare del sito non si assumono alcuna responsabilità delle vostre azioni.

La legge italiana obbliga a prestare soccorso nei limiti delle proprie capacità, ma si tenga presente che manovre errate o inappropriate possono causare lesioni personali gravi, anche mortali.